5.6.07

Sanità, verso una legge per le medicine non convenzionali - Legambiente sulla libertà di scelta terapeutica



“Bisogna garantire a tutti i cittadini italiani, al pari di altri cittadini europei, il diritto di scelta della terapia medica”. Francesco Ferrante, direttore generale di Legambiente e senatore della Repubblica, sottolinea così le ragioni del convegno Libertà di scelta terapeutica, nel rispetto della sicurezza dei cittadini, organizzato a Roma da Legambiente in collaborazione con Weleda. Garantire la libertà di scelta terapeutica quale diritto fondamentale è questo il tema del dibattito, che affronta quindi la necessità di una legge per le medicine non convenzionali e di una copertura da parte del servizio sanitario che consenta a tutti di scegliere liberamente tra i diversi approcci diagnostici e terapeutici. “Questo significa – dice Ferrante – fornire un quadro normativo che, prevedendo una formazione di base nelle università e nelle scuole specializzate, dia le necessarie garanzie di professionalità a tutti i cittadini che si rivolgono a questi indirizzi terapeutici. Questo non significa nessun avvallo a questa o a quella medicina e nessuna preclusione sull’una piuttosto che sull’altra. Questa è materia, appunto, di libera scelta. E’ necessaria inoltre – aggiunge il direttore generale di Legambiente - una norma che tuteli i cittadini dalle truffe di sedicenti medici e ciarlatani”.All’omeopatia, la fitoterapia, l’agopuntura, la chiropratica, l’antroposofia si rivolgono ormai, secondo i dati più recenti, quasi dieci milioni di italiani. Si è accresciuta inoltre la consapevolezza dei problemi ambientali e dello stretto legame dell’uomo con la natura che lo circonda, e dell’importanza di tutelare l’ambiente in cui l’uomo vive come principale elemento di prevenzione riguardo alla salute, aspetti ai quali le medicine non convenzionali hanno sempre prestato particolare attenzione.Al convegno - introdotto da Mauro Alivia presidente della Società Italiana di Medicina Antroposofica, da Paolo Roberti di Sarsina, coordinatore del comitato permanente di consenso e coordinamento per le medicine non convenzionali in Italia e da Lucia Venturi di Legambiente - sono intervenuti tra gli altri i senatori Ignazio Marino, presidente XII Commissione Igiene e sanità, Daniele Bosone, relatore del provvedimento di legge sulle medicine non convenzionali, Paolo Rossi e Gianpaolo Silvestri.

2 commenti:

emanuel celano ha detto...

Il percorso per il riconoscimento delle medicine non convenzionali ha seguito sino ad oggi un lungo
iter parlamentare, senza giungere ancora alla creazione di un quadro normativo nazionale.
Attualmente in Italia non è ancora giuridicamente riconosciuta la figura professionale del
Naturopata e dell'operatore delle Discipline Bio-Naturali.
Per questi motivi abbiamo deciso di creare un sito e raccogliere le 50.000 firme necessarie
per presentare una proposta di Legge apartitica di iniziativa popolare. 50.000 firme per la
libertà di scelta terapeutica e la legittimità delle Medicine Non Convenzionali.
Vogliamo sottolineare che questa proposta di Legge Popolare non è vincolata o promossa da
alcun Partito Politico, ma nasce per volontà della Ass. Culturale Spazio Sacro di Bologna, nella
persona del suo vice-presidente, il Dott. Emanuel Celano. Una nota rilevante che distingue
questa proposta da quelle sino ad ora ricevute in Parlamento è data dalla apertura della
stesura della Legge a tutti coloro che vi vorranno partecipare e dal ruolo assegnato alla
Commissione Pilota sulle Medicine Non Convenzionali, prima che venga istituita una
Commissione Permanente sulle MNC. Solo una Commissione Pilota, i cui rappresentanti
provengono dalle realtà italiane nelle quali vengono promosse ogni giorno, la conoscenza,
l'apprendimento e la sperimentazione delle medicine non convenzionali è, a nostro parere, in
grado di aiutare la comunità scientifica ad individuare le discipline bio-naturali da riconoscere e
definire i profili e le competenze degli operatori olistici.
LE FASI DEL PROGETTO :
1. RACCOGLIERE 50.000 FIRME VIRTUALI TRAMITE LA PETIZIONE ONLINE.
2. REDIGERE INSIEME UNA PROPOSTA DI LEGGE (vedi sul sito la versione attuale).
3. TROVARE ALMENO UNA ASSOCIAZIONE O UN CENTRO PER OGNI PROVINCIA
ITALIANA DISPONIBILE A COSTITUIRSI COME PUNTO DI RACCOLTA DELLE FIRME
REALI (vedi sul sito le sedi candidate).
4. INVIARE, UNA VOLTA RAGGIUNTO IL NUMERO, UNA EMAIL A TUTTI COLORO CHE
HANNO PARTECIPATO CON IL TESTO COMPLETO DELLA PROPOSTA DI LEGGE.
5. RACCOGLIERE LE 50.000 FIRME CARTACEE CON VALORE LEGALE PRESSO LE SEDI
PROVINCIALI INDIVIDUATE PER LA RACCOLTA DELLE FIRME REALI.
6. DEPOSITARE LE FIRME ALLA CORTE DI CASSAZIONE PER IL LORO RICONOSCIMENTO.
7. CONSEGNARE LA PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE AL PARLAMENTO
ITALIANO.

www.UnaLeggePerLeMedicineNonConvenzionali.it

Perchè Firmare adesso, se la proposta di legge popolare non è ancora ultimata ?
Secondo la Legge Italiana la raccolta di firme online non ha valore legale. Chiediamo una adesione
adesso, anche se la proposta di legge popolare che troverete nel sito non è ancora ultimata, per
ricevere un sostegno ed appoggio a questa iniziativa e per velocizzare le fasi del Progetto. Una
volta raccolte le 50.000 firme i partecipanti riceveranno nella loro casella di posta il testo completo
della proposta di legge e SOLO SE lo riterranno valido potranno recarsi presso una struttura nella
loro provincia per la firma cartacea con valore legale. Grazie a tutti ! Contiamo sulla vostra firma !

emanuel celano ha detto...

Il percorso per il riconoscimento delle medicine non convenzionali ha seguito sino ad oggi un lungo
iter parlamentare, senza giungere ancora alla creazione di un quadro normativo nazionale.
Attualmente in Italia non è ancora giuridicamente riconosciuta la figura professionale del
Naturopata e dell'operatore delle Discipline Bio-Naturali.
Per questi motivi abbiamo deciso di creare un sito e raccogliere le 50.000 firme necessarie
per presentare una proposta di Legge apartitica di iniziativa popolare. 50.000 firme per la
libertà di scelta terapeutica e la legittimità delle Medicine Non Convenzionali.
Vogliamo sottolineare che questa proposta di Legge Popolare non è vincolata o promossa da
alcun Partito Politico, ma nasce per volontà della Ass. Culturale Spazio Sacro di Bologna, nella
persona del suo vice-presidente, il Dott. Emanuel Celano. Una nota rilevante che distingue
questa proposta da quelle sino ad ora ricevute in Parlamento è data dalla apertura della
stesura della Legge a tutti coloro che vi vorranno partecipare e dal ruolo assegnato alla
Commissione Pilota sulle Medicine Non Convenzionali, prima che venga istituita una
Commissione Permanente sulle MNC. Solo una Commissione Pilota, i cui rappresentanti
provengono dalle realtà italiane nelle quali vengono promosse ogni giorno, la conoscenza,
l'apprendimento e la sperimentazione delle medicine non convenzionali è, a nostro parere, in
grado di aiutare la comunità scientifica ad individuare le discipline bio-naturali da riconoscere e
definire i profili e le competenze degli operatori olistici.
LE FASI DEL PROGETTO :
1. RACCOGLIERE 50.000 FIRME VIRTUALI TRAMITE LA PETIZIONE ONLINE.
2. REDIGERE INSIEME UNA PROPOSTA DI LEGGE (vedi sul sito la versione attuale).
3. TROVARE ALMENO UNA ASSOCIAZIONE O UN CENTRO PER OGNI PROVINCIA
ITALIANA DISPONIBILE A COSTITUIRSI COME PUNTO DI RACCOLTA DELLE FIRME
REALI (vedi sul sito le sedi candidate).
4. INVIARE, UNA VOLTA RAGGIUNTO IL NUMERO, UNA EMAIL A TUTTI COLORO CHE
HANNO PARTECIPATO CON IL TESTO COMPLETO DELLA PROPOSTA DI LEGGE.
5. RACCOGLIERE LE 50.000 FIRME CARTACEE CON VALORE LEGALE PRESSO LE SEDI
PROVINCIALI INDIVIDUATE PER LA RACCOLTA DELLE FIRME REALI.
6. DEPOSITARE LE FIRME ALLA CORTE DI CASSAZIONE PER IL LORO RICONOSCIMENTO.
7. CONSEGNARE LA PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE AL PARLAMENTO
ITALIANO.

www.UnaLeggePerLeMedicineNonConvenzionali.it

Perchè Firmare adesso, se la proposta di legge popolare non è ancora ultimata ?
Secondo la Legge Italiana la raccolta di firme online non ha valore legale. Chiediamo una adesione
adesso, anche se la proposta di legge popolare che troverete nel sito non è ancora ultimata, per
ricevere un sostegno ed appoggio a questa iniziativa e per velocizzare le fasi del Progetto. Una
volta raccolte le 50.000 firme i partecipanti riceveranno nella loro casella di posta il testo completo
della proposta di legge e SOLO SE lo riterranno valido potranno recarsi presso una struttura nella
loro provincia per la firma cartacea con valore legale. Grazie a tutti ! Contiamo sulla vostra firma !