9.6.06

La guida Blu 2006 di Legambiente


Le Cinque Terre regine del mare di qualità,
il Tirreno e la Sardegna a vele spiegate

Ecco i premi estivi di Guida Blu 2006 di Legambiente pubblicata dal Touring Club Italiano.
Nella top 10 Castiglion della Pescaia, Arbus, Bosa e Villasimius. Nel libro del mare 100 itinerari di snorkeling, 50 grotte, 50mila eco-letti

Riomaggiore, Manarola, Corniglia, Vernazza e Monterosso: le Cinque Terre quest'anno salgono sul gradino più alto del podio della Guida Blu 2006 di Legambiente pubblicata dal Touring Club Italiano. Subito a seguire altre 9 località balneari premiate con le "cinque vele", il punteggio massimo, che completano la top 10 di Guida Blu 2006: Castiglion della Pescaia, Arbus, Bosa, Capalbio, Pollica Acciaroli e Pioppi, Villasimius, Isola del Giglio, Portovenere e Otranto.
Sono questi i comuni dell'eccellenza turistica balneare che alla bellezza del paesaggio e alla qualità delle acque, hanno saputo coniugare una corretta gestione del territorio, interventi e politiche in linea con il rispetto dell'ambiente, una buona funzionalità dei servizi. Per essere elette da Legambiente le regine del turismo di qualità hanno infatti superato ben 128 esami su qualità dell'ambiente marino, servizi efficienti, rifiuti, energia, strutture sanitarie e offerta enogastronomica.
La Guida Blu 2006 è stata presentata oggi a Roma da Roberto Della Seta, presidente nazionale di Legambiente, Michele D'Innella, direttore editoriale del Touring Club Italiano e Sebastiano Venneri, responsabile mare di Legambiente oltre ai sindaci delle dieci località premiate con le cinque vele.
La Liguria con le Cinque Terre si aggiudica dunque il primo posto per la qualità dell'offerta turistica ma un segnale importante arriva dalla Sardegna che piazza 28 località in classifica e ben tre tra le prime dieci (Arbus e Bosa sono infatti in terza e quarta posizione e Villasimius è settima). E fa piacere trovare la Sardegna così in alto, dal momento che nell'isola sono state adottate forse le norme salvacoste più avanzate d'Italia. Il 2006 è proprio l'anno del Tirreno "pigliatutto" visto che molte fra le prime classificate si affacciano su questo mare. Castiglion della Pescaia cede il primo posto alle Cinque Terre, conquistando però il secondo. Entra per la prima volta tra le prime dieci la toscana Capalbio (quinta) mentre sale di qualche gradino Pollica, la perla del Cilento al sesto posto. L'Isola del Giglio scende all'ottavo e la ligure Portovenere al nono. Chiude la classifica delle "magnifiche dieci" Otranto.
La Guida Blu 2006 (320 pagine a colori, 300 foto, disponibile in libreria a 18euro) accanto alla top dieci, riporta altre 256 località balneari - con giudizi che vanno da una a quattro vele - e descrive ben 315 deliziose spiagge e le indicazioni per raggiungerle.
La classifica di quest'anno sottolinea ancora una volta il valore delle aree protette. Ben cinque località sulle dieci prime classificate sono infatti situate all'interno di parchi nazionali o regionali a dimostrazione del fatto che queste realtà costituiscono un sistema dinamico tutt'altro che ingessante.
Sempre più completa anche quest'anno la Guida Blu riporta una nutrita sezione interamente dedicata allo snorkeling, l'attività di esplorazione dei fondali marini con un elenco di ben 100 itinerari sommersi. C'è poi la sezione dedicata alle grotte marine, un piccolo estratto di un grande lavoro di censimento realizzato lungo i nostri litorali dal ministero dell'Ambiente che ci porta a scoprire questi tesori. Spesso intarsiate come scrigni nelle rocce, le grotte marine custodiscono atmosfere incontaminate e offrono panorami suggestivi. Legambiente ha scelto quelle più accessibili e più affascinanti fornendo preziose indicazioni per raggiungerle e visitarle in totale sicurezza.
Come tradizione troviamo la sezione Pescaturismo, con l'elenco aggiornato di 74 cooperative dedite a questa attività. E poi ancora l'elenco degli alberghi per l'ambiente, oltre 300 strutture ricettive che hanno sottoscritto un impegno con Legambiente per migliorare la loro sostenibilità: quasi 50.000 posti letto sparsi lungo la penisola, un numero considerevole che testimonia una volontà ormai diffusa di caratterizzare anche l'iniziativa turistica privata in chiave ambientale.
"Gran parte dei flussi turistici nel nostro Paese sono attratti dal mare, - ha commentato Roberto Della Seta, presidente nazionale di Legambiente - si stima che questa risorsa valga, solo per quel che riguarda il reddito delle attività collegate alle spiagge, 13 miliardi di euro, circa l'1% del Pil, (quando la fruizione della risorsa mare si attesta intorno al 10% del Pil). Questo significa che se le buone pratiche messe in atto dai comuni che hanno ottenuto le 5 vele fossero applicate in maniera più diffusa - continua Della Seta - non ci sarebbe solo un vantaggio ambientale ma anche economico, soprattutto per le tantissime località del Mezzogiorno che sono spesso le più ricche di luoghi di grande pregio naturalistico ma che soffrono in molti casi di abusivismo, speculazione, assenza di depurazione, degrado. E' proprio questo lo scopo di Guida Blu. Fornire esempi positivi che spingano altri amministratori a seguirli".
"Con questa guida - afferma Michele D'Innella, direttore editoriale Touring - il Tci e Legambiente realizzano per il sesto anno consecutivo uno strumento di grande valore educativo volto a diffondere la cultura del rispetto per il nostro patrimonio ambientale. Una cultura propria di entrambe le nostre associazioni che, pur con storie diverse, si oppongono al degrado delle coste e promuovono un modello di sviluppo sostenibile, rispettoso in egual misura delle esigenze dei turisti, dell'ambiente e delle comunità ospitanti. Coerentemente con i nostri obiettivi e le nostre competenze, infatti, questa Guida Touring unisce alla valutazione delle acque e delle spiagge effettuata dalla Goletta Verde l'analisi e la descrizione complessiva dell'ambiente, dei beni culturali, del paesaggio, della cultura enogastronomica e artigianale - in breve, degli attrattori turistici - delle località segnalate. Affinché tra le componenti di una vacanza ci sia non solo il piacere di nuotare in acque pulite ma anche quello di contemplare un paesaggio integro, di visitare un antico borgo, di gustare i sapori e le tradizioni del mare".
La Guida Blu è frutto del lavoro svolto da Goletta Verde durante i suoi anni di navigazione ma anche del patrimonio di conoscenze delle centinaia di gruppi locali di Legambiente. Nasce nel 1996, come Ecosistema Vacanze, un dossier di Legambiente che valuta le località costiere italiane coniugando i parametri propriamente turistici con indicatori della qualità ambientale. L'intento è quello di restituire la gradevolezza delle località, premiando quelle dove il confort meglio si fonde con l'autenticità. Non solo mare pulito, quindi, ma anche ambiente tutelato e qualità dell'offerta, dai servizi alle strutture ricettive, dall'interesse del centro storico all'offerta enogastronomia.
E' bene specificare che tutte le località prese in considerazione hanno totalizzato un punteggio superiore alla sufficienza: come dire che ognuna delle 266 località presenti nella Guida Blu merita di essere scelta come meta per una vacanza più o meno breve, per una gita durante il fine settimana o almeno per una visita. Su ognuno di questi comuni sono stati raccolti dati sulle caratteristiche ambientali e ricettive, integrati con le valutazioni espresse dai circoli di Legambiente e dall'equipaggio della Goletta Verde di Legambiente. Il giudizio attribuito a ciascuna località, dalle 5 vele assegnate alle dieci migliori fino ad una vela, è dunque il frutto di valutazioni ricche ed approfondite.
Ma torniamo alle motivazioni che hanno determinato il riconoscimento delle cinque vele da parte di Legambiente per il 2006.

Cinque Terre (La Spezia)
La vetta della classifica per i cinque borghi marinari delle Cinque Terre premia la costante ricerca da parte del parco nazionale delle Cinque Terre di un connubio ottimale tra sviluppo e ambiente. L'ospitalità e i servizi regolati dal marchio di qualità e l'incremento delle aree tutelate nell'area marina protetta sono solo alcuni aspetti del modello di gestione più studiato al mondo. Il mare ringrazia di tutto questo e sorridono i delfini tornati a far tappa fissa nelle acque delle Cinque Terre.

Castiglion della Pescaia (Grosseto)
Migliora la raccolta differenziata, portata al 38%. Sul fronte delle energie rinnovabili prosegue il processo di sensibilizzazione dei cittadini e le operazioni di incentivazione per i residenti che desiderano installare i pannelli solari. Nonostante il notevole afflusso turistico durante i mesi estivi si mantengono in buono stato di conservazione gli arenili, le dune costiere e la pineta litoranea. Molto buona la qualità delle acque di balneazione.

Arbus (Medio Campidano), Bosa (Oristano) e Villasimius (Cagliari)
Arrivano in quest'ordine le tre località sarde a cinque vele, tutte di grande fascino naturalistico. Consistenti gli interventi delle amministrazioni locali impegnate fortemente nell'attuare il recentissimo piano paesaggistico, approvato lo scorso 25 maggio, per tutelare la fascia costiera per 2 km dal mare. In particolare Arbus, inserita al terzo posto, dove l'amministrazione comunale sta portando avanti un progetto di conservazione delle famose dune bianche di Piscinas. Mentre a Bosa, quarta classificata, oltre alle varie iniziative di tutela ambientale della costa, l'amministrazione comunale ha fatto investimenti per la salvaguardia dell'areale del grifone. La nuova entrata sarda, al settimo posto, è Villasimius che ha rinnovato il suo impegno per potenziare e rafforzare la gestione e tutela dell'area marina protetta di Capo Carbonara.

Capalbio (Grosseto)
Quinto posto e cinque vele per il notevole impegno riversato nella protezione e conservazione della fascia costiera. Sul fronte delle energie alternative è in fase di progettazione presso il Comune lo sportello informativo al pubblico sulle fonti di energia rinnovabili. L'Amministrazione riversa particolare attenzione agli aspetti legati all'agricoltura e alla valorizzazione dei prodotti tipici e tradizionali. Notevole incremento delle iniziative volte alla promozione del territorio e alla valorizzazione delle tradizioni locali.

Pollica, Acciaroli e Pioppi (Salerno)
Il sesto posto in classifica va a Pollica, con le località costiere di Acciaroli e Pioppi. La spiaggia di Pollica è situata all'interno del Parco Nazionale del Cilento, ma oltre al grande interesse naturalistico dell'area e alla bellezza del centro abitato, immerso nel verde della collina, la Guida Blu premia quest'anno la qualità dei servizi. In particolare, lo sviluppo della raccolta differenziata e quello dei servizi per portatori di handicap. Inoltre il comune sta portando avanti molteplici iniziative volte a sensibilizzare la coscienza ambientale tra cui la gara di pedalò per non vedenti che ha visto una grande partecipazione.

Isola del Giglio (Grosseto)
In rilievo la valorizzazione della rete sentieristica interna e le politiche adottate per la salvaguardia e il rispetto dell'ecosistema marino. Si mantiene ottima la qualità delle acque di balneazione. Prosegue la campagna di promozione delle produzioni di qualità e il provvedimento che limita lo sbarco di autovetture nei mesi estivi. Migliora il ciclo delle acque e la raccolta differenziata rafforzata da campagne di sensibilizzazione.

Portovenere (La Spezia).
Prosegue il cammino intrapreso anni fa da questo comune stretto tra il Golfo dei Poeti, lo sperone di roccia di Punta San Pietro e le isole Palmaria, Tino e Tinetto. La volontà di migliorare la qualità delle acque attraverso l'allacciamento fognario al depuratore della Spezia si unisce alla ri-nascita di nuove spiagge balneabili sottratte all'abbandono dei decenni passati. Il tutto sotto l'egida del Parco Naturale Regionale di Portovenere, determinato a porre alla base dello sviluppo turistico-economico la tutela e il recupero del territorio. Forte di questo riconoscimento anche l'aspettativa per l'imminente abbattimento dello Scheletrone di Palmaria, per il quale la Regione Liguria ha già stanziato i fondi.

Otranto (Lecce)
Perde qualche posto ma si conferma anche per quest'anno nelle prime dieci posizioni. Salvaguardia della costa, lotta alle concessioni demaniali "selvagge" con l'adozione di un piano coste come variante al Piano regolatore. Ennesimo ricorso vinto contro la costruzione di un villaggio turistico a sud di Otranto, nonostante i pareri positivi della regione Puglia e della soprintendenza. E' tra i comuni più attivi per l'istituzione del Parco marino costiero Otranto Santa Maria di Leuca. Uno speciale vincolo che equipara la costa a gariga alle zone pinetate impedendo l'edificazione.

Nessun commento:

Le pedonalizzazion negli ultimi 30 anni hanno valorizzato Napoli

Napoli, assieme ad altre 2 località in Italia è stata recentemente scelta dal New York Times come meta turistica mondiale.  Il futuro della ...